Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

sabato 22 luglio 2017

"Ryan" di A.S. Kelly

Buonasera amiche, fa caldo dalle vostre parti ? Qui non si resiste, l'umidità non dà tregua. Questa sera vi racconto qualcosa di un libro che non è certo 'rinfrescante', anzi, risveglierà i bollenti spiriti in tutte le lettrici:

Titolo: Ryan (O' Connor Brothers #2)
Autrice: A.S. Kelly


TRAMA: Sono tornato indietro, sono di nuovo nel posto in cui tutto è cominciato e dove qualcun altro ha messo la parola fine.
L’ho fatto solo per amore della mia famiglia.
Sto cercando di ricostruirmi una vita, di restare in piedi anche se le gambe mi fanno un male cane.
Sono concentrato su me stesso, sulla mia carriera.
Sono pronto a fare a pezzi tutto pur di non crollare.
A odiare, senza sensi di colpa, perché odiare gli altri è l’unico modo che conosco per sopravvivere a me e a ciò che sono.
E ci stavo riuscendo.
Ero forte. Ero intoccabile. Ero invincibile.
Ero solo un illuso.
Non avevo messo in conto tutto.
Non avevo messo in conto lei.
L’unica donna che vorrei davvero odiare ma che continua a farmi sperare.
Una donna che mette sottosopra il tuo mondo e che s’infila nella tua vita solo se può restare anche domani.
Ma io non cerco un domani, non lo voglio un futuro.
Non ci credo più.
E non posso tornare a farlo, neanche per lei.
Sono Ryan O’Connor e sto per fare uno sbaglio enorme, sto per permettere a lei di crederci, di scommettere su di me.
Ma io non sono l’uomo giusto su cui puntare.
Non lo sono mai stato.
E a lei non resterà che accettare questa amara sconfitta.

RECENSIONE: eccoci alle prese con il secondo 'bell'imbusto' della famiglia O'Connor, il secondo libro di questa serie (che è comunque una storia a sé quindi è autoconclusivo).
Premesso che ho amato di più la serie Four Days (non chiedetemi perché, ma è come se avessi avuto più feeling con loro che con i fratelli O' Connor), devo ammettere che questo secondo libro mi è comunque piaciuto più del primo, l'ho trovato più sistematico e meno caotico, non ci sono tanti flashback e quindi l'ho trovato molto più leggibile. Ma passiamo ai personaggi, protagonisti indiscussi di questo libro sono Ryan, Christine e Evan (il figlio di Christine). Lui un ragazzo decisamente problematico, che non riesce a lasciarsi andare a nessun rapporto, tanto meno quello con una donna, dopo essere stato pesantemente tradito (e su vari fronti) dalla sua fidanzata, gli anni sono passati, ma nella sua mente ogni particolare è ancora troppo presente. Christine, trenta anni e un figlio, un locale da mandare avanti e una forte attrazione per quel giocatore da cui sa che sarebbe meglio stare lontana. E così insieme a questi due personaggi, con intorno i fratelli di lui e il figlio di lei saliremo sulle montagne russe dei loro sentimenti. La parte in assoluto più divertente sono le 'scenette' familiari a cui partecipano Nick, Ian e Evan (un ragazzo fortissimo, speriamo di vederlo presto protagonista di un altro libro), e che fanno sorridere non poco.
Quindi plauso a Antonella Senese che ha saputo appassionarmi con questa storia e costruire due personaggi per niente banali, che riscalderanno (come se ce ne fosse bisogno) le serate estive.

Alla prossima,
Alessandra

Nessun commento:

Posta un commento