Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

giovedì 19 settembre 2013

Il Giovedi dei Classici: "Ragione e Sentimento" - Jane Austen

Eccomi qua...seppur tardi ma almeno stavolta è sempre giovedi.
Questa settimana voglio presentarvi un classico bellissimo di una scrittrice che io adoro, parlo di Jane Austen e del suo "Sense and Sensibility", o meglio, "Ragione e Sentimento"

Titolo originale: Sense and Sensibility
Autrice: Jane Austen

TRAMA: tutta la storia è incentrata sulla vita delle sorelle Elinor e Marianne Dashwood, e sulle vicende amorose che le coinvolgeranno.
Marianne, giovane piena di vita, inizierà a frequentare il giovane attraente John Willoughby senza rendersi conto che nel frattempo anche il Colonnello Brandon si è infatuata di lei.
Anche la sorella Elinor, sebbene più cauta di Marianne, non rimarrà indifferente al fascino di Edward Ferrars, uomo all'apparenza piuttosto infelice.
Ma improvvisamente sia Willoughby che Ferrars partiranno per la città e lasceranno sole le ragazze. Queste decideranno così di passare l'inverno a Londra. Qui Marianne ritroverà Willoughby, ma scoprirà anche che lo stesso è fidanzato e prossimo alle nozze. Oltre a ciò il colonnello confesserà a Elinor che Willoughby ha anche sedotto sua figlia adottiva, lasciandola subito dopo aver avuto la notizia che era incinta.
Si viene a sapere anche che Edward è segretamente fidanzato con Lucy, e la madre per questo lo disereda.
A seguito di questi eventi le sorelle decidono di fare ritorno a casa, ma Marianne si ammala gravemente durante il viaggio a seguito della delusione e rischia di morire.
Una volta guarita la ragazza cambia il suo carattere diventando più cauta e prudente come la sorella, che nel frattempo è venuta a conoscenza che Lucy ha sposato il fratello di Edward, e che quindi lui è libero di amarla e chiederla in moglie.
Anche il Colonnello trova il coraggio per chiedere in moglie Marianne, anche se la ragazza prova un sentimento diverso e più maturo rispetto a quello che sentiva per Willoughby. Entrambe le coppie si sposano.
Willoughby, a seguito del suo matrimonio, riceve dei soldi con cui salderà tutti i debiti che ha, ma capisce anche che se si fosse comportato in maniera diversa, oltre a diventare ricco, non avrebbe perso l'amore di Marianne.

Beh, come non rimanere affascinate da questo romanzo, e soprattutto dallo stile di Jane Austen. Il romanzo fu pubblicato per la prima volta nel 1811 e rappresentava un bellissimo affresco di quei tempi.
L'autrice ha giocato molto sulla diversità caratteriale fra le due sorelle, traendo forse spunto proprio dal rapporto che aveva lei con sua sorella maggiore.
Elinor è prudente e razionale, mentre Marianne è emotiva e ragiona con il cuore. Il romanzo difende il modo di fare di Elinor, ma soprattutto rappresenta il molto così complesso in cui si situa la storia.
Marianne è una ragazza piena di vitalità, di passionalità, intelligenza, sincerità, talento e sicuramente sa amare e per amore arriva quasi alla morte. Nel finale la vediamo perdere un po' di queste sue caratteristiche per accostarsi un po' di più a quelle della sorella, facendo della sua unione con il colonnello una scelta ragionevole ma non certo spinta dalla passione.
Elinor invece sposerà il suo vero amore che ha avuto dopo aver rinunciato comunque a lui, soffrendo in silenzio senza esternare i suoi sentimenti, e dopo aver superato numerosi ostacoli.
Il Colonnello rappresenta il gentiluomo di quei tempi, fedele e leale, ma infondo anche Willoughby è il ritratto di ciò che una ragazza poteva trovare, un uomo che ha anteposto il denaro e gli interessi all'amore vero, perchè tra le righe si capisce che comunque lui amava Marianne e alla fine prova del rimpianto.

Insomma, un bellissimo romanzo, per certi aspetti più attuale di quello che non sembri, con temi trattati con lo stile impeccabile di Jane Austen, che io adoro.

Marianne e Willoughby

Per gli amanti del genere consiglio anche il film del 1995, diretto da Ang Lee , e interpretato da Hugh Grant, Emma Thompson, Kate Winslet e Alan Rickman, un adattamento molto ben riuscito (e poi io vi confesso che adoro Hugh Grant !!!)

  Marianne e il Colonnello


Elinor e Edward

Alla prossima

Alessandra

1 commento: